L’Officina della Scultura 2023

La Fondazione Piero Cattaneo, nata a Bergamo nel 2020 come naturale prosecuzione dell’omonima associazione costituitasi dieci anni prima, approda al nuovo anno con un programma di progetti per Bergamo-Brescia Capitale della Cultura 2023, dagli interventi espositivi legati alla figura dello scultore Cattaneo, alla realizzazione della Sesta Edizione di Officina della Scultura sul territorio lombardo.

OFFICINA DELLA SCULTURA
Officina della Scultura. Gli atelier nascosti è una manifestazione che si pone l’obiettivo di favorire la conoscenza dei luoghi della scultura e dei suoi protagonisti, creando una mappatura di questi spazi della scultura del XX secolo, proponendo un nuovo circuito di interesse turistico culturale in Lombardia. La manifestazione si afferma come momento apicale nella programmazione di Fondazione Piero Cattaneo e diventa il manifesto di un progetto di diffusione della scultura, della sua storia e della sua evoluzione.
Nei mesi di ottobre e novembre, prende avvio la Sesta Edizione di Officina della Scultura. Gli atelier nascosti che rientra nel programma de “La città dei tesori nascosti” di Bergamo-Brescia Capitale della Cultura. Avviatasi nel 2018, l’iniziativa ha coinvolto numerosi luoghi in Lombardia, dalla Brianza all’hinterland e al centro di Milano, da Bergamo alla sua provincia, fino alla Lomellina nel pavese, e per quest’anno amplia la sua collaborazione con il territorio bresciano. Sulle tracce della ricerca scultorea del Novecento, si apre un nuovo percorso che unisce e fa riemergere il patrimonio artistico delle città di Bergamo e Brescia: portando i visitatori all’interno di quei luoghi d’autore, si può scoprire in modo inedito il territorio, attraverso il dialogo ricercato tra l’intervento scultoreo e il contesto geografico. Vengono riproposte le visite guidate negli studi, gli incontri dedicati al fare scultoreo alla presenza degli artisti e la collaborazione con i docenti e gli studenti degli atenei universitari e delle scuole di Belle Arti aderenti al programma.

LA MOSTRA DI PIERO CATTANEO ALLA FONDAZIONE CREDITO BERGAMASCO
Il 13 maggio inaugura la mostra Memorie Future. Opere di Piero Cattaneo, una personale dell’artista curata da Marcella Cattaneo e Angelo Piazzoli e promossa dalla Fondazione Credito Bergamasco. La mostra, ideata inizialmente per l’anno 2020, viene ora presentata negli spazi di Palazzo Creberg in Largo Porta Nuova a Bergamo, con un allestimento che prevede otto sculture all’interno del Salone Principale e un nuovo intervento progettuale al piano superiore. Le opere esposte indagano un periodo centrale e fondante della ricerca di Cattaneo, ovvero il passaggio da un linguaggio carico di puntuali rimandi storico-culturali alla delineazione di un nuovo e personalissimo alfabeto, con cui ha tradotto nel bronzo gli emblemi della contemporaneità. Nel 2020, a corredo della mostra, è stato edito da Fondazione Credito Bergamasco un catalogo che raccoglie gli interventi di Angelo Piazzoli, Presidente di Fondazione Credito Bergamasco, Marilisa di Giovanni, Storica dell’arte, docente di storia dell’arte contemporanea presso l’ateneo universitario di Pavia e una testimonianza di Marcella Cattaneo, figlia dello scultore. Il legame tra Piero Cattaneo e la Fondazione risale al 1985, quando l’istituto Credito Bergamasco gli commissionò l’opera monumentale Concetto di liberalità – Espansione che ancora oggi è esposta nello spazio verde della sede bancaria, in via Torquato Taramelli.

L’OPERA ITERAZIONE CONTINUA IN MOSTRA PER L’UNIONE ITALIANA CIECHI
L’Unione Italiana Ciechi e Ipovedenti di Bergamo e l’Associazione culturale Cento4, in collaborazione con lo Studio d’Architettura Balini, presentano dal 15 aprile al 14 maggio presso lo Spazio Cento4, CON-TATTO, una mostra di sculture di artisti contemporanei da scoprire attraverso l’esplorazione tattile. L’opera di Piero Cattaneo presente è Iterazione Continua, una scultura del 1984 composta da acciaio inox e bronzo. L’acciaio satinato delimita un perimetro cubico attraversato dallo spazio; al suo interno, le superfici tirate a specchio riflettono e prolungano in una nuova dimensione l’elemento in bronzo lì accolto. L’immaginario così distintivo di Cattaneo si proietta in una meta-realtà in cui il suo linguaggio meccanomorfo si sdoppia, si moltiplica e si rinnova di continuo.
La mostra presenta lavori di numerosi artisti bergamaschi e non solo, tra cui Elio Bianco, Audelio Carrara, Viveka Assembergs, Gianni Grimaldi, Ugo Riva.

Ufficio Stampa
Piera Cristiani
Tel +39 3394560012